Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Un Protocollo d'Intesa siglato tra Regione Lombardia, Sea, Anama e Assohandlers per rendere il sistema aeroportuale di Malpensa una “Smart City delle merci”. “Come Regione Lombardia - ha sottolineato il presidente Roberto Maroni, che ha firmato l'accordo - siamo interessati a favorire lo sviluppo di Malpensa, che ha circa il triplo di volume di traffico merci rispetto a Fiumicino e che rappresenta un polo centrale per la Lombardia”. Il protocollo entrerà in funzione nel gennaio del 2015 per essere pronto in tempo per l'Expo. Quasi il 70% del traffico aeroportuale dell'import-export italiano attualmente passa dalla Lombardia. Sentiamo ai nostri microfoni il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

-    Audio –

"Con l'ingresso della Lettonia in maniera definitiva nell'Unione europea verranno sicuramente potenziate le relazioni tra la nostra Lombardia e il Paese baltico anche e soprattutto in vista degli appuntamenti di natura internazionale dei prossimi mesi". Lo dice Fabrizio Sala sottosegretario all'Expo della Regione Lombardia dopo l'ingresso, della Lettonia nella zona dell'Euro. "Con la Lettonia – dice Sala - sono già in atto importanti collaborazioni sociali, economiche e sanitarie, come pure notevoli sono le importazioni di materie prime come il legno". "E' doveroso instaurare rapporti ancora più stretti perchè la Lettonia - appunta Sala - possiede tutte le caratteristiche di quei Paesi che potranno formare l'Europa delle Regioni". "A noi non resta - conclude il sottosegretario - che complimentarci con i lettoni per le performance economiche di cui sono stati capaci in questi ultimi anni".

Confido che la stagione dei saldi possa restituire fiducia sia ai commercianti che ai consumatori. La grande attenzione che i mezzi d'informazione dedicano all'argomento dimostra quanto questo tema sia cruciale per definire il clima sociale ed economico". Così l'assessore al Commercio, Turismo e Terziario della Regione Lombardia Alberto Cavalli in occasione dell'avvio dei saldi invernali che partiranno sabato prossimo, 4 gennaio. "Da un lato i cittadini sono colpiti da una spirale negativa d'incremento della pressione fiscale e diminuzione dei redditi che indebolisce il potere d'acquisto - sottolinea l'assessore Cavalli - dall'altro i commercianti sono investiti da una crisi così grave e protratta nel tempo da mettere ormai a repentaglio non soltanto la continuità aziendale, ma la tenuta del sistema distributivo".

"La Regione Lombardia non ha trascurato questa condizione così difficile - prosegue Cavalli - non l'ha fatto, quando ha deciso di introdurre a titolo sperimentale, per un anno, la possibilità di effettuare vendite promozionali anche nel periodo precedente ai saldi (oltre che in tutti gli altri mesi dell'anno), né tantomeno quando, cessata la sperimentazione e ripristinato il regime consueto, ha posto il tema all'attenzione dell'Osservatorio regionale del Commercio per un'analisi congiunta dei suoi esiti". L'assessore spiega: "Sono in campo due posizioni non convergenti: mantenere il divieto alle vendite promozionali, come risulta largamente maggioritario nelle diverse regioni italiane, oppure cancellarlo in quanto anacronistico, come ritengono una parte degli operatori commerciali e alcuni opinionisti". Nei giorni scorsi primo incontro per Ettore Isacchini, presidente della nuova Aler di Brescia, Cremona e Mantova, con il personale della sede virgiliana. Ad accompagnarlo l'assessore regionale alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli.

"Mi faceva particolarmente piacere essere presente– ha detto Bulbarelli al termine dell'incontro - visto che io stessa ne sono stata presidente. Questo cambiamento netto mi ha coinvolto direttamente". L'assessore Bulbarelli ha voluto tranquillizzare tutti dipendenti spiegando che "ogni posto di lavoro sarà salvaguardato, anche perché c'è ancora più bisogno del lavoro di tutti per eseguire tutto ciò che comporta l'accorpamento di 3 aziende in una sola".

È tutto, grazie per l’ascolto