Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Apre al pubblico l'antico Foro Romano di Milano, che si trova sotto la sede della Pinacoteca Ambrosiana, tra piazza Duomo e piazza Cordusio. Un pezzo importante della storia milanese che viene restituito alla città. Il Foro sarà visitabile gratuitamente per i primi giorni di apertura, dal 30 gennaio fino a domenica 2 febbraio, e successivamente su prenotazione e con un biglietto di ingresso di 3 euro. Il Foro è stato riaperto al pubblico anche grazie agli importanti contributi di Regione Lombardia e di Fondazione Cariplo. E proprio l'assessore di Regione Lombardia con delega alle culture Cristina Cappellini è intervenuta ai nostri microfoni.  

-    Audio -

"Ribadisco e confermo l'impegno mio e della Regione Lombardia a finanziare l'opera di riqualificazione dell'ex caserma Garibaldi e di piazza Repubblica, a Varese, con un contributo di 15 milioni di euro, come da me pubblicamente promesso". Lo ha detto, oggi, da Bruxelles, Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia, replicando al Pd di Varese in merito all'Accordo di programma su piazza Repubblica.  "Le risorse - ha detto il presidente - ci sono e saranno formalizzate al momento opportuno, come previsto dalle normali procedure. Quella scatenata dal Pd varesino è una polemica assurda, puerile e strumentale, anche se mi rendo conto che, non essendo mai stati al governo della Regione Lombardia, non abbiano conoscenza del funzionamento delle Istituzioni".

"Ho parlato ieri con l'assessore Mantovani, oggi ci saranno i risultati". Così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni sull'azione ispettivariguardo il 'caso Stamina' agli Spedali Civili di Brescia, il giorno prima dell'incontro con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, domani in visita in Lombardia. Roberto Maroni ha incontrato i giornalisti all'Ambasciata italiana di Bruxelles, a margine di un incontro con i rappresentanti del sistema Grande impresa italiana, in occasione della seconda tappa del World Expo Tour.  "E' un'ispezione che ho voluto, anche se Regione Lombardia non è direttamente protagonista del 'caso Stamina', perché l'accordo è stato fatto tra l'ospedale e la Fondazione; tuttavia, poiché riguarda un tema che mi sta molto a cuore, cioè la ricerca scientifica, ho voluto evitare che questo argomento passasse come una questione che viene trattata non nel modo giusto".  Riguardo alle polemiche che ci sono state, Maroni ha detto: "Voglio fare chiarezza: oggi sarà pronta la relazione, domani incontrerò il ministro Lorenzin e parleremo anche di questo".

Le Regioni Lombardia Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Piemonte hanno sottoscritto, oggi, a Venezia, un'intesa per lo sviluppo della filiera del pioppo, finalizzata all'aumento della superfici attualmente coltivate e a un maggior riconoscimento dei vantaggi economici e ambientali derivanti dalla coltivazione di questa specie arborea. L'accordo è stato siglato anche da Coldiretti, Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura, Associazione pioppicoltori italiani, Cra-Istituto per la pioppicoltura, Assocarta e Federlegno arredo.
 La pioppicoltura italiana si basa quasi esclusivamente sulla produzione delle regioni del Nord, ovvero Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, e vede la Lombarda principale regione produttrice. Tuttavia gli ultimi dati indicano chiaramente che il fabbisogno per le diverse produzioni (compensati, pannelli, pasta di cellulosa) è doppio rispetto alla produzione: a fronte di una domanda di 2 milioni di metri cubi l'anno, la disponibilità produttiva attuale è di 1 milione di metri cubi l'anno; in 10 anni, dal 2000 al 2010, la pioppicoltura si è dimezzata (-53 per cento).

L'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia Mario Melazzini ha sottoscritto oggi a Como il 'Patto per lo sviluppo della nautica lariana aggiornato e ampliato', confermando l'adesione della Regione Lombardia all'intesa firmata nel 2011.  Gli obiettivi principali del Patto sono: aiutare le imprese a raggiungere un sistema produttivo avanzato, flessibile e tecnologicamente all'avanguardia, attraverso la costruzione di reti tra le imprese stesse; incentivare lo sviluppo di sinergie di progettazione, produzione, ricerca, innovazione e internazionalizzazione tra le imprese della nautica e quelle degli altri settori, con il supporto delle istituzioni universitarie e degli enti di ricerca presenti sul territorio; potenziare il ruolo della nautica a sostegno del turismo lariano, anche in considerazione delle opportunità offerte da Expo 2015.  
 "Regione Lombardia - ha detto Melazzini - è al vostro fianco e guarda con estremo favore questo Patto, che impegna tutte le parti coinvolte a essere presenti e vicine e a raggiungere gli obiettivi che si sono posti. Questo Patto è fondamentale, perché valorizza il concetto di rete e di filiera e ha una incidenza diretta su molti settori, a partire dal turismo, anche in ottica Expo. Rilanciare questa filiera significa anche rilanciare l'occupazione".

"Nella prossima riunione di Giunta proporrò un formale riconoscimento ai cinque scienziati che, grazie al loro ingegno, contribuiscono ogni giorno a fare della nostra sanità lombarda una vera eccellenza riconosciuta nel mondo". Così dichiara Mario Mantovani, vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia, a commento della classifica pubblicata da un gruppo di ricercatori americani, che colloca fra i primi 400 scienziati più influenti al mondo sei italiani, di cui cinque lavorano in strutture lombarde.  Si tratta di Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Irccs Humanitas di Rozzano e docente dell'Università degli Studi di Milano; Giuseppe Remuzzi dell'Istituto Mario Negri di Bergamo; Antonio Colombo dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano; Giuseppe Mancia dell'Università di Milano Bicocca; Alberto Zanchetti dell'Università degli Studi di Milano.

È tutto, grazie per l’ascolto