Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"Siamo attrezzati come Regione per svolgere bene il nostro compito di controllo nei limiti delle competenze e dei poteri che abbiamo". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, nel corso del suo intervento nei giorni scorsi davanti alla Commissione Regionale Antimafia a Palazzo Pirelli.  "Ricordo - ha detto ancora Maroni - che non abbiamo poteri d'investigazione profondi come quelli della magistratura ma dobbiamo essere in grado di scegliere le persone giuste e rimuovere immediatamente quelle che dovessero essere coinvolte in azioni di corruzione o di altro tipo, penso a comportamenti che non sono da considerare reati ma che tradiscono il mandato fiduciario di leale collaborazione e di leale comportamento verso le istituzioni che li hanno messi ad occupare quel settore; questo è il comportamento che abbiamo tenuto e che terremo, perché a prescindere dalla responsabilità penale se vengono tenuti comportamenti sleali verso la Regione queste persone vanno rimosse e vengono rimosse".

Inaugurazione nei giorni scorsi del Laboratorio di realtà virtuale e analisi di movimento Grail (Gait Real-time Analysis Interactive Lab, letteralmente 'Laboratorio interattivo di analisi del passo in tempo reale'), presso la sede dell'Istituto scientifico 'Eugenio Medea' di Bosisio Parini (Lecco), gestito dall'Associazione 'La Nostra Famiglia'. Alla cerimonia è intervenuto il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni.  Parlando di fronte a dirigenti, medici e operatori, il governatore ha sottolineato come il centro brianzolo "sia la sintesi di tutto quello che la Regione ritiene importante ci debba essere in una struttura: ci sono la cura, la ricerca, l'intervento e l'accompagnamento delle persone, in particolare dei bambini affetti da cronicità". "E' un modello - ha ribadito - che funziona e che va valorizzato". Il numero uno di Palazzo Lombardia ha ricordato come la Regione stia studiando lo 'sviluppo' del sistema socio-sanitario che consenta di tenere sotto controllo la spesa continuando ad erogare servizi d’eccellenza.

Potenziare i servizi rivolti alle donne (e ai loro figli minori) vittime di violenza di genere o stalking attraverso lo stanziamento di 625.000 euro. E' questo l'obiettivo della delibera approvata oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli.  "Dopo il milione di euro stanziato ad aprile, oggi aggiungiamo altri fondi - ha commentato Bulbarelli -, per estendere la copertura territoriale delle Reti, in particolare nei territori che ne sono ancora sprovvisti, come Sondrio, Brescia, Lodi e altre zone delle province di Varese e Milano. L'obiettivo è che tutte le province lombarde abbiano almeno un centro antiviolenza".

Parte 'App4Expo Award', la gara di App rivolta alle Start up regionali, per promuovere le eccellenze del territorio in vista dell'Esposizione universale del 2015, organizzata in collaborazione con Smau ed Explora. "La gara - spiega l'assessore Parolini – sarà dedicata alle Start up con sede sul territorio regionale, che avranno tempo dalle 8 di lunedì 16 giugno alle 24 di mercoledì 16 luglio, per presentare la propria candidatura al sito dedicato (www.app4expo.it). Oggetto saranno le App volte alla promozione integrata dei fattori qualificanti l'offerta turistica della Lombardia in Italia e all'estero". Base di partenza per lo sviluppo delle App è il patrimonio informativo pubblico costituito dai dati di Regione Lombardia, messo a disposizione sul sito www.dati.lombardia.it, e dai dati di altri soggetti pubblici e privati in formato 'Opendata'. L'App proposta dovrà avere contenuti in lingua italiana e in lingua inglese.