Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Sarà istituito a partire da lunedì prossimo un tavolo permanente  fra Ministero delle Infrastrutture e Regione Lombardia, deciso dal ministro alle infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi dopo l'incontro di qualche giorno fa nella sede di Expo tra quattro rappresentanti del governo e i vertici delle istituzioni milanesi. In quell'occasione il governatore lombardo Roberto Maroni aveva presentato ai quattro ministri la “lista della spesa”, un elenco di risorse economiche e atti che la Regione chiede al governo per poter realizzare in tempo tutte le principali infrastrutture legate all'Expo del prossimo anno. Il tavolo istituito dal ministro Lupi servirà per affrontare tempestivamente le questioni aperte, che implicano investimenti per un miliardo e 600 milioni di euro. Sentiamo il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

- audio -

“Le infrastrutture rappresentano le opere più imponenti e significative di Expo, ma ci sono anche aspetti più belli e leggeri” – ha commentato il governatore Maroni intervenuto alla presentazione  di 'Foody', la mascotte ufficiale di Expo 2015, avvenuta questa mattina al Castello Sforzesco di Milano. La scelta del nome è il risultato di un concorso a cui hanno partecipato 8mila bambini da tutta Italia. Il volto della Mascotte, così come degli 11 personaggi che daranno un volto cartoon a Expo, sono stati disegnati da Disney Italia, e da gennaio 2015 saranno anche protagonisti di una serie tv di cartoni animati, per avvicinare anche i più piccoli alle tematiche di Expo.

Il Piano Cave, la necessità di alcune bonifiche, il polo Chimico, la presenza di arsenico nelle falde e la questione nitrati sono alcune delle problematiche ambientali affrontate questa mattina dall'assessore  all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi, intervenuta alla  tappa mantovana del Tour degli Stati Generali dell'Ambiente, al Parco del Mincio, a Mantova  appunto. Sulla bonifica del sito di interesse nazionale 'laghi di Mantova e polo chimico', già nel 2013 - ha spiegato Terzi - sono state assegnate nuove risorse finanziarie a questo progetto di bonifica. No da parte dell'assessore, invece, alla possibilità paventata di trasformare il Polo Chimico da sito di interesse nazionale a sito di interesse regionale: “Avere un Sin vuol dire avere l'attenzione del Ministero – ha spiegato Terzi – In caso contrario, Roma avrebbe la scusa per non considerare più prioritario l'intervento sul territorio e  spostare i finanziamenti altrove”.

Le patologie infantili al centro del dibattito di ieri del Consiglio regionale lombardo. Approvata infatti all'unanimità dall'Aula una risoluzione dedicata alla SIDS, la cosiddetta “morte bianca” in culla, che invita il Ministero a diffondere il protocollo diagnostico, oltre che a costruire una rete a livello nazionale sempre più attiva per la ricerca di questa patologia. Nel suo intervento l'assessore regionale alla salute Mario Mantovani ha proposto all'Aula "di posticipare il termine, portandolo da 6 a 12 mesi, relativamente all'impegno dell'Assessorato alla Sanità di effettuare un report periodico dinanzi alla Commissione III Salute e Politiche sociali del Consiglio regionale, così da avere a disposizione le informazioni più puntuali e complete possibili". Accolta infine anche la proposta avanzata dal vice presidente di inserire nel testo l'impegno "ad approvare nel prossimo Piano socio sanitario regionale un apposito capitolo concernente la tutela dell'area materno-infantile, con particolare riguardo alla SIDS".

Approvata anche una risoluzione in merito alla patologia di labiopalatoschisi, comunemente conosciuta come “labbro leporino”.  "Da parte della Giunta lombarda c'è la massima attenzione rispetto alla patologia della labiopalatoschisi, così come la volontà a porre in essere una valutazione puntuale rispetto ai costi già sostenuti per il Sistema Sanitario lombardo – ha spiegato l'assessore Mantovani intervenendo in Aula - Potenzieremo, inoltre, l'attività di formazione del personale di tutti i reparti di Neonatologia degli ospedali lombardi e valuteremo l'istituzione di un centro regionale di riferimento. Contestualmente, agiremo a livello nazionale, chiedendo al Governo d'inserire nei Livelli essenziali d'assistenza tutti i presidi necessari per l'alimentazione dei bambini come i biberon medici".  Sulla proposta di fare dell'Azienda Ospedaliera San Paolo il centro di riferimento a livello regionale, l'assessore Mantovani ha infine evidenziato la sua disponibilità, non prima, tuttavia, che vi sia uno specifico atto regionale al riguardo.

Ed è tutto, grazie per l'ascolto.