Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Due novità riaprono la partita sul fronte della costituzione di un sistema aeroportuale lombardo, un progetto che piace al governatore della Lombardia Roberto Maroni. Si tratta della bocciatura da parte del Tar della concessione della gestione dell'aeroporto di Montichiari a Verona,  e della disponibilità manifestata dal Comune di Milano a far entrare la Regione nell'azionariato di Sea. “Ora ci sono le condizioni per un piano aeroportuale lombardo – ha dichiarato Maroni, secondo cui rientrerebbe nel più complesso sistema delle infrastrutture, insieme alle strade, alle autostrade e alle ferrovie. Sentiamo su questo Roberto Maroni.

-AUDIO-

"Un mercato più complicato, rispetto agli altri che abbiamo visitato, perché la Germania da sempre è uno di quei Paesi del Nord Europa che si sono sempre opposti all'individuazione precisa dei prodotti alimentari, all'etichettatura e alla tracciabilità. Oggi però notiamo un' inversione di tendenza, una nuova sensibilità”. Così l'assessore regionale all'agricoltura Gianni Fava ha dichiarato, in tema di lotta alla contraffazione alimentare, da Berlino, dove è insieme al governatore lombardo Roberto Maroni per la quinta tappa del 'World Expo Tour'. Fava ha incontrato anche i vertici dell'Associazione delle imprese agricole tedesche. "I Tedeschi - ha aggiunto l'assessore lombardo - hanno capito che la tutela delle produzioni, che per noi è una necessità, è condivisa dal mercato europeo; il rilancio e la tutela dei nostri prodotti potrebbe far bene a tutta l'economia europea. Il nostro progetto per la lotta alla contraffazione è guardato con interesse: io credo che nei prossimi giorni avremo un riscontro positivo".

L'attenzione da parte della Regione verso il mondo delle imprese culturali e creative è sempre alta. Così l'assessore alle Culture, Identità e Autonomie Cristina cappellini intervenendo al convegno 'Europa 14/20. Opportunità, sfide e fondi per la cultura' promosso dalle Fondazioni Cariplo e Crt, in collaborazione con il Parlamento europeo. Tra le iniziative che la Regione sta promuovendo, due avvisi per la mobilità transnazionale degli operatori per lo sviluppo di progetti innovativi nell'ambito del settore culturale e creativo, rivolto il primo a inoccupati e disoccupati, e il secondo a imprenditori, lavoratori dipendenti e con contratto a progetto delle Micro e piccole imprese e associazioni e fondazioni operanti nel settore culturale. Tra i progetti ancora in cantiere poi, anche quello dell'Archivio digitale lombardo, con la realizzazione di un servizio di digitalizzazione dei patrimoni documentari realizzati e acquistati da Regione Lombardia nell'arco degli ultimi quarant'anni e conservati presso l'Archivio di Etnografia e Storia Sociale.

Il numero delle iscrizioni ai Centri di formazione e istruzione professionale è in aumento. Lo ha dichiarato l'assessore regione all'Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea, presentando i dati relativi alle iscrizioni al secondo ciclo di istruzione per l'anno scolastico 2014/2015 in Lombardia. Oltre 94mila i ragazzi iscritti a una scuola secondaria superiore. Il 41% ha scelto un liceo, il 30% un istituto tecnico e il 13% un istituto professionale. “Questi percorsi formativi sono a tutti gli effetti la 'seconda gamba dell'istruzione' e premiano la nostra offerta, sempre più qualificata  - ha detto Aprea, secondo cui i percorsi finanziati dalla Regione “rappresentano una efficace alternativa ai percorsi 'statali'; sono capaci di rispondere in modo adeguato alle necessità del tessuto  economico lombardo e di rappresentare un efficace contrasto alla dispersione scolastica, come certificato anche dalla Commissione europea nei documenti relativi alla nuova programmazione comunitaria”. Anche per il prossimo anno scolastico 2014/2015 Regione Lombardia ha confermato il suo impegno economico, mettendo a disposizione 12.600 Doti nel sistema di IeFP.    

Primi effetti per la legge regionale contro il gioco d'azzardo e la ludopatia. Il Tar della Lombardia ha infatti citato il provvedimento regionale per confermare il diniego del Comune di Cantù, in provincia di Como, alla richiesta di un privato intenzionato a installare delle slot machine in un locale situato vicino a una scuola. La legge regionale infatti fissa a 500 metri la distanza minima che il locale che intende installare macchinette automatiche  deve avere da luoghi sensibili quali le scuole. “Questo è un primo effetto importante e concreto contro il dilagare di questa piaga sociale – ha commentato l'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi, team leader per la Giunta sul tema del contrasto al gioco d'azzardo patologico. - I giudici confermano che, tra l'interesse economico di un singolo e la tutela della salute pubblica, deve prevalere quest'ultima. È proprio quanto ha coraggiosamente sostenuto Regione Lombardia, promuovendo la sua legge, pur sapendo che lo Stato, grazie al dilagare del gioco, è il primo beneficiario di lauti incassi".

Ed è tutto, grazie per l'ascolto.