Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"Abbiamo intenzione di istituire, a giugno, con l'assestamento di bilancio, un fondo consistente, di almeno 10 milioni di euro, per finanziare le iniziative che vorranno fare i territori per valorizzare il collegamento di Expo e per avere un ritorno positivo, per esempio per attrarre turismo”. Lo ha annunciato il presidente della regione Lombardia Roberto Maroni che ha partecipato ieri alla tappa bergamasca del Lombardia Expo Tour.  "Expo non può essere solo i sei mesi dell'Esposizione e neppure le infrastrutture che rimarranno, come la Brebemi, la Teem o la Pedemontana. Expo - ha fatto notare Maroni - deve avere una ricaduta positiva nei decenni a venire. Come Regione voglio sollecitare il territorio di Bergamo a farmi delle proposte, per sfruttare al meglio questa occasione, proposte che poi, tramite la società Explora, valuteremo e finanzieremo". La città orobica, da parte sua, si è già organizzata con 'Sistema Bergamo per Expo Milano 2015', un'iniziativa presa tra Comune, Provincia, Camera di Commercio, Università degli Studi, Confindustria Bergamo, Imprese e Territorio e Diocesi, un protocollo sottoscritto da tutte le Istituzioni bergamasche, per realizzare iniziative e attività finalizzate a valorizzare Bergamo per Expo.

"Il lavoro impostato in questo primo anno è stato utile, il mondo dell'agricoltura ha dimostrato di essere il più serio: sa chiedere il minimo, quello che serve per le sue aziende, altrimenti si arrabbia". Così l'assessore regionale all'Agricoltura Gianni Fava ha commentato il confronto con gli stakeholders del territorio, avvenuto durante l'iniziativa "Dillo alla Lombardia" che si è tenuto venerdì per tracciare un bilancio del primo anno di lavoro della Giunta Maroni.  "Le sfide devono ancora venire - ha detto Fava - dobbiamo ancora negoziare gli accoppiamenti sulla zootecnia e sul primo pilastro Pac, determinanti per la sopravvivenza di questo settore”. Sentiamolo dalla voce dell'assessore Fava.

(AUDIO)

Solo il 2,5% delle risorse idriche mondiali è a disposizione per il consumo umano, e di queste l'85% viene utilizzato in agricoltura.  "Anche in una Regione come la Lombardia, caratterizzata da un numero altissimo di corpi idrici, ci si dimentica di quanto vale la risorsa acqua. Bisogna cominciare a considerare l'acqua come un valore” – così è intervenuta l'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi, durante il convegno 'Tecnologia e ricerca per l'acqua del futuro', organizzato ieri a Palazzo Lombardia in occasione della Giornata mondiale dell'acqua. “In passato anche in Lombardia sono stati fatti degli sprechi, che ci hanno causato anche contenziosi con l'Unione europea. - ha ricordato Terzi - Oggi invece è necessario un utilizzo più razionale dell'acqua, anche pensando alle prossime generazioni. Da parte della Regione c'è la massima disponibilità e la voglia di collaborare con chi ha fatto dell'innovazione e della ricerca condivisa, su questo come su altri argomenti, il fulcro della sua azione”.

Una tre giorni di sci dedicata all'insegnamento di questa disciplina ai ragazzi disabili. Si tratta dell'iniziativa 'Ski Tour Freerider Sport Events', che si è conclusa ieri sulle piste da sci di Bormio. L'iniziativa, promossa dalla Direzione Sociale dell'Asl di Varese, dedicata all'insegnamento dello sci da seduti, ha ricevuto una riposta da record. Alla tre giorni hanno partecipato 124 ragazzi, che soffrono di disabilità fisica o intellettiva, in rappresentanza di 26 realtà, provenienti da diverse regioni (dalla Lombardia, Piemonte e Veneto fino a Marche e Abruzzo).  Alla giornata conclusiva di ieri ha partecipato anche l'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi. La tre giorni sulla neve di Bormio 2000 è compresa nel Progetto 'Cambio di Passo 2014' dedicato alla promozione dell'attività sportiva integrata per le persone con disabilità, promosso dall'Asl di Varese in collaborazione con l'Associazione di Promozione Sociale Sestero onlus.

Soddisfazione del governatore Roberto Maroni all'annuncio della visita che il premier Matteo Renzi farà al sito Expo tra due settimane. “Sono contento - ha dichiarato Maroni - che finalmente Renzi, come è stato annunciato, venga a vedere il sito Expo, io nei giorni scorsi gli ho consegnato l'elenco delle cose che il Governo si era impegnato a fare su Expo e finora non ha fatto. Spero che Renzi venga con delle risposte alle questioni che gli ho posto”. Intanto ieri a Bergamo il governatore lombardo ha incontrato il ministro Maurizio Martina, mentre oggi tocca al ministro delle  infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi: “C'è una buona collaborazione con il Governo e tra le Istituzioni – ha concluso Maroni - e questo è un valore da salvaguardare".

Il presidente della Regione Roberto Maroni parteciperà questa sera al 39esimo piano di Palazzo Lombardia a un incontro sul tema “Expo 2015, acceleratore del cambiamento”. All'iniziativa prenderanno parte anche Giuseppe Sala, commissario unico delegato dal Governo per Expo, e Alessandro Cattaneo, vicepresidente Anci.

Ed è tutto, grazie per l'ascolto.