Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"Un piano industriale nazionale mi sta bene, ma non può essere a taglia unica. Non può andare bene per tutte le regioni". Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, rispondendo ai giornalisti a margine del convegno sui fondi Ue per promuovere la reindustrializzazione con la prossima programmazione, organizzato dalla Commissione Ue stamattina a Milano. "Chi deve attuare le politiche europee - ha detto Maroni – deve tenere conto di ciò. Il sistema delle Pmi lombarde è diverso da quello di altre regioni".

"Per Regione Lombardia non si sono problemi finanziari e di portafoglio: qualora il presidente Maroni trovasse un accordo per l'acquisizione di una quota della società Sea, i soldi ci sarebbero". Cosí ha dichiarato l'assessore all'economia crescita e semplificazione di Regione Lombardia. Al momento il nodo da sciogliere sarebbe piuttosto di natura politica, e cioè quali interessi potrebbe avere la Regione acquisendo solo la piccola quota della società che il Comune di Milano sarebbe disposto a cedere. Sentiamolo.

AUDIO

"La proroga dell'accordo territoriale si rende inderogabile, perché Regione Lombardia non può consentire di lasciare le aziende e i lavoratori senza alcuno strumento di salvaguardia". Lo ha dichiarato l'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea, commentando l'esito della riunione di ieri della Commissione regionale per l'Istruzione, la Formazione e il Lavoro, nel cui ambito è stato condiviso il testo del nuovo accordo tra Regione Lombardia e le Parti sociali lombarde. L'accordo prevede la proroga delle modalità di accesso agli ammortizzatori sociali in deroga, visto il prolungarsi dell'iter per l'emanazione del decreto interministeriale che dovrebbe definire a livello nazionale i criteri per la Cassa integrazione e mobilità in deroga.

'Le regole di sistema: verso la Riforma Sanitaria Lombarda' è stato il tema del convegno che si tenuto ieri sera alla Fiera di Bergamo e al quale hanno preso parte l'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale e Volontariato di Regione Lombardia Maria Cristina Cantù, e il vice presidente e assessore alla Salute della Regione Mario Mantovani. Sul piano sanitario locale il vicepresidente ha comunicato una serie di dati significativi e che indicano l'importante ruolo che la sanità bergamasca ricopre in Lombardia. "Nel 2012 nei vostri ospedali abbiamo avuto 133.247 ricoveri e l'84 per cento dei ricoveri è stato erogato presso le strutture sanitarie con sede nella provincia". "Vuol dire - ha affermato con soddisfazione l'assessore - che i bergamaschi si fidano degli ospedali della loro provincia".

Regione Lombardia ha cercato e cerca di dare quotidianamente risposte concrete alle imprese, che chiedono interventi efficaci e tempi rapidi e certi. “La nuova legge 'Impresa Lombardia', nata dal dialogo costante con tutti gli operatori e le associazioni di categoria, va esattamente in questo senso. A breve ci saranno tutti i provvedimenti attuativi". Lo ha detto l'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini, intervenendo al Consiglio camerale della Camera di Commercio di Monza e Brianza.

“768.000 euro per consolidare l'immagine del Lago di Garda e mettere in campo prodotti turistici in grado di superare, in qualità e innovazione, l'offerta dei competitors internazionali, anche in vista di Expo 2015". Lo ha detto l'assessore al Commercio, Turismo e Servizi di Regione Lombardia Alberto Cavalli, commentando gli obiettivi del Protocollo d'intesa tra Regione Lombardia e Bresciatourism, che, compiuti gli atti formali, ha preso avvio ieri, all'interno del progetto di eccellenza 'Valorizzazione del Lago di Garda', realizzato e finanziato dalla Giunta regionale, per promuovere il territorio gardesano.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.