Incoraggiamenti, spettacoli improvvisati, anche qualche bella iniziativa online. Tutto bello ma niente che potesse sostituire il bisogno del pubblico. Il settore artistico ha sofferto la crisi, come gli altri, certo, ma con un “carnet” di incertezze legate non solo al sostentamento nel periodo di inattività ma anche sulla reale ripartenza. Questo perché il filo rosso fra artista e pubblico non è solamente necessario alla buona riuscita dello spettacolo ma, in molti casi, a garantire la sopravvivenza dello spettacolo stesso. Ne parliamo con uno dei più importanti produttori teatrali italiani e presidente delle Imprese stabili di produzione Michele Gentile

Ti potrebbero interessare anche:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi