Il Covid ci ha costretto a fermarci e a pensare, ma spinge anche alcuni ad agire senza farlo. La libertà – che alcuni invocano in piazza – è quell’idea solo libertina della libertà concepita come diritto della propria volontà di imporre la sua forza, o la libertà è solidarietà dove non ci può essere salvezza individuale ma solo collettiva?Lo abbiamo chiesto alla professoressa Patrizia Borsellino, docente di filosofia del diritto e bioetica all’università di Milano-Bicocca

Ti potrebbero interessare anche:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi